cuscino-allattamento-multiuso-per-la-mamma-sfoderabile-vari-colori-571-750x750

Come scegliere un buon cuscino d’allattamento?

Come sapete il mercato è sempre più saturo di ogni tipo di prodotto ed è sempre più difficile distinguere tra un prodotto di qualità ed uno scadente. Insomma, come possiamo scegliere un buon cuscino d’allattamento? Quali sono le caratteristiche da prendere in considerazione?

Il materiale dell’imbottitura

I cuscini d’allattamento possono avere diversi materiali per l’imbottitura, sebbene la tendenza vada in una direzione sempre più biologica. L’imbottitura può essere costituita da materiali artificiali di vario tipo o da pula di farro e di miglio. Quest’ultima tipologia è preferibile poiché deriva dagli scarti delle coltivazioni biologiche ed è priva di sostanze nocive. Inoltre, possiede una buona densità.

Inoltre, la pula di farro e di miglio agisce un po’ come il mare con le stagioni. Infatti, è in grado di garantire freschezza durante l’estate e calore durante l’inverno.

Dovete anche sapere questo materiale ha un’altissima percentuale di acido silicico, sostanza che serve come rimedio naturale per moltissimi disturbi come i dolori muscolari ed i dolori ossei.

La forma dei cuscini allattamento

Le due forme principali attualmente disponibili sul mercato sono due: a ciambella o a serpente.

La forma a ciambella è la migliore durante il periodo dell’allattamento poiché è dotata di un’imbottitura migliore rispetto alla forma a serpente. Inoltre, serve come nido e permette al neonato di avere una posizione corretta dopo la poppata.

La forma a serpente è particolarmente utile per coloro che vogliono un cuscino in grado di alleviare i problemi. Questa forma si contraddistingue per la sua duttilità poiché si può adattare facilmente al nostro corpo ed è ideale per trovare la posizione perfetta durante il sonno. Tuttavia, non è perfetta durante il periodo dell’allattamento poiché troppo soffice e troppo tendente ad adattarsi ai corpi.

 

Sicuramente è preferibile un cuscino d’allattamento che utilizza un materiale biologico come – ad esempio – la pula di farro o la pula di miglio. La forma – invece – dipende dalle vostre esigenze e da ciò che state cercando. Vi consiglio di parlare con il vostro medico e con il vostro ginecologo. Sicuramente vi sapranno consigliare in una o nell’altra direzione.